TOLSTOJ E IL RIFIUTO DELLA VIOLENZA - Bruno Milone

Disponibile

15,00
Prezzo comprensivo di IVA, più spedizione


Sulla scorta degli scritti di Isahia Berlin, Pier Cesare Bori e Walter Bryce Gallie, Bruno Milone rivaluta le concezioni filosofiche e religiose di Tolstoj mostrando come non le si possa accusare di superficialità e povertà intellettuale. In particolare il rifiuto della violenza, in Tolstoj, non è riconducibile a una semplice “pretesa” ricavata dal “Discorso della montagna”, come se fosse possibile, seguendo l’esempio di Cristo e in virtù della semplice “mitezza” e “non resistenza al male”, costringere i malvagi a deporre la loro cattiveria e a portare la pace sulla terra. Al contrario, la proposta della non violenza nasce da una acuta analisi dei processi di disumanizzazione che operano in tutti i progetti di pacificazione, di risoluzione dei conflitti e di trasformazione del mondo mediante la guerra e le rivoluzioni.

Informazioni aggiuntive sul prodotto

Collana Quaderni di Ricerca 109
Pagine 176
Anno 2010
Codice 978-88-8166-315-6

Cerca questa categoria: I nostri titoli